Gino A. Torchio, “Generazione Covid”, Serel International | Stefano Termanini Editore (ISBN 9788889401347)

 9,00 Iva inclusa

Un giorno che sembra un giorno normale di scuola è, in realtà, l’ultimo giorno di scuola. Di quella scuola a cui tutti eravamo abituati, come a una cosa scontata. La pandemia: si abbatte sulle nostre città, sul nostro Paese, e tutti siamo, dalla sera alla mattina, “segregati”. Tutti in lockdown. Chi l’avrebbe mai detto?

Non potersi più incontrare, non potersi più sedere accanto, nel banco. Anche i professori che tengono quelle interminabili, noiose, lezioni (non tutti, però….), sono per noi un ricordo che suscita la nostalgia. Siamo a casa. Davanti agli schermi dei nostri computer. la scuola, in tempo di Covid-19, si fa così.

Ma è un’esperienza così unica? Il prof. Limittri, chiuso anche lui, come tutti, costretto anche lui, come tutti, a fare scuola “a distanza”, decide di compiere con i propri allievi un percorso nella storia dell’uomo, delle pandemie, dei vaccini. Lo aiuta il padre di un allievo, medico, appassionato di storia della medicina. E’ così che gli uni e gli altri scopriranno che la storia si ripete e che noi, mentre ci lamentiamo del nostro lockdown, senza diminuire la drammaticità di ciò che abbiamo vissuto, siamo, in realtà, molto molto più fortunati di coloro che ci hanno preceduti.

Categorie: ,

Descrizione

La pandemia da Covid-19 resterà un indelebile ricordo per le più giovani generazioni, un’esperienza drammatica per adulti e meno giovani.

Per tre mesi, mentre le città erano vuote e strade e cieli deserti, siamo vissuti dietro gli schermi dei nostri computer.

Non ci era capitato niente di simile, in tutta la nostra vita e in quella dei nostri genitori.

Ma quanto è nuova l’esperienza della pandemia nella storia dell’uomo?